🍷ENOVINANDO🍷
IL CENTRO DEL VINO
Area ClientiLogin Iscriviti
In Carrello
Prezzi IVA inclusa
Il tuo carrello è vuoto
Non hai selezionato prodotti da acquistare!

Naviga nel catalogo per aggiungere prodotti al tuo carrello.
Area Clienti Iscriviti
22 risultati
Marche
MARCHE
 
I vini delle Marche sono tra i più famosi e ricercati tra quelli delle regioni dell’Italia centrale. Le Marche hanno un territorio molto variegato, collinare per il 70% e montuoso per il 30%. Le fasce pianeggianti sono limitate a piccole aree lungo la costa e lungo il corso dei fiumi. Il clima delle Marche è molto vario, in funzione della disposizione e dell’altitudine dei rilievi. E’ più mediterraneo lungo la costa e verso sud e più continentale all’interno e verso nord, con escursioni termiche maggiori e maggiore rischio di gelate. Le loro caratteristiche pedoclimatiche rendono le Marche una regione particolarmente votata per la viticoltura, infatti i suoi 12.000 ettari vitati sono quasi totalmente in zone collinari, che assicurano una produzione superiore al milione di ettolitri di vino all’anno. La tradizionale forma di allevamento ad alberello o a tutori vivi come olmi o aceri ha lasciato il posto alle più moderne forma a spalliera.
 
I Numeri del Vino nelle Marche
Superficie vitata delle Marche: 12.000 ha di cui il 5% in montagna, l'85% in collina e il 10% in pianura.
Produzione di vino delle Marche: 1.000.000 hl di cui vini DOP 39% vini IGP 24%, vini rossi e rosati 45%, vini bianchi 55%.
Denominazioni di origine per il vino nelle Marche: 5 DOCG, 15 DOC, 1 IGT.
 
 
LA VITICULTURA
 
Le prime tracce della viticoltura nelle Marche risalgono al X sec A.C., nell’attuale area della Rosso Piceno DOC, importate dai coloni greci ai quali si deve la fondazione della città di Ancona e anche tra i Piceni, tra l’VIII e VII secolo A.C., la viticoltura e la produzione dei vino rivestivano un ruolo centrale. I Romani furono presenti nelle Marche a partire dal 295 A.C. Lo stesso Plinio il Vecchio descrive le varietà di viti coltivate al suo tempo e i vini che se ne ricavavano. Fra il VI e il XIII secolo d.C., nelle Marche la presenza di abbazie e di monaci era piuttosto diffusa, e presso di loro, per esigenze liturgiche e di mensa, si registra sempre la presenza di una piccola vigna. Ai monaci si deve il tramandarsi delle tecniche vitivinicole, i tentativi di migliorare il prodotto e gli sforzi per accrescerne la conservabilità. Nell’età dei Comuni il vino cessò di essere bevanda di appannaggio solo del clero, ma entra nelle abitudini di una più vasta comunità di persone. Negli anni di passaggio dallo stato Pontificio al Regno d’Italia giunsero nelle Marche flagelli come l’Oidio, la Peronospora e la Fillossera e dovettero passare circa quarant’anni prima che venissero trovate le soluzioni per affrontarle. Dopo la Prima Guerra Mondiale, contadini e proprietari si impegnarono a migliorare la produttività dei fondi, con una seppur lenta introduzione di nuove tecnologie che accrebbero i redditi delle famiglie contadine. Con i primi successi giunse anche la frammentazione dei poderi e la riduzione delle superfici degli stessi, poi, con la fine della mezzadria, vennero alla ribalta nuove figure di proprietari che, accorpando più poderi, dettero vita ad aziende a conduzione diretta. Nel 1953, ad opera della cantina Fazi Battaglia, venne creata la bottiglia a forma di anfora che ancora oggi è associata al Verdicchio. All’inizio degli anni ’90 iniziò una profonda ristrutturazione dei vigneti, passando a forme di allevamento adatte alla meccanizzazione e vennero introdotti vitigni sia di antica coltivazione marchigiana sia internazionali.
 
I VITIGNI
 
I vitigni coltivati nelle Marche sono per il 60% a bacca bianca (soprattutto Verdicchio). Il Verdicchio è oggi fra le più interessanti uve autoctone a bacca bianca d’Italia, capace di vini complessi e di grande struttura. Tra i vitigni bacca nera i più importanti sono il Montepulciano e il Sangiovese. Nelle Marche si trovano anche vitigni autoctoni come il Lacrima, a bacca nera e caratterizzato da una originalissima componente aromatica e la Vernaccia nera. Nelle Marche si coltivano anche lo Chardonnay, il Ciliegiolo, la Passerina, il Pecorino, il Trebbiano toscano e la Malvasia bianca lunga.
 
 
LE DENOMINAZIONI DI ORIGINE
 
Le Denominazioni di Origine per il vino nelle Marche includono, a partire dalla zona del Metauro, la Bianchello del Metauro DOC, basata sul vitigno Biancame e quella dei Colli Pesaresi Pesaresi DOC, con i vitigni Bianchello e Sangiovese. La zona dei Castelli di Jesi è vocata al vino Verdicchio, con la Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC e Verdicchio dei Castelli di Jesi Riserva DOCG, così come quella del Verdicchio di Matelica Riserva DOCG. La zona costiera attorno al promontorio del Conero è invece vocata ai vini rossi a base di Montepulciano con la Conero DOCG e Rosso Conero DOC. L’area appenninica di Serrapetrona è nota per i vini spumanti a base del vitigno Vernaccia Nera (Vernaccia di Serrapetrona DOCG). Più giù la zona di Macerata (Colli Maceratesi DOC) con vini bianchi a base del vitigno Maceratino, clone del Verdicchio. I Colli del Tronto e i Colli Ascolani sono conosciuti per la Rosso Piceno DOC (vitigno Montepulciano) e la Falerio DOC, con i vitigni Trebbiano Toscano, Passerina, Pecorino.
 
 
LE ZONE VINICOLE
 
La produzione di vino nelle Marche è diffusa in tutta la regione, che si può idealmente dividere in 3 zone di coltivazione principali, alle quali se ne aggiungono altre, meno estese ma non meno importanti dal punto di vista produttivo.
 
Verdicchio dei Castelli di Jesi e Matelica
Il Verdicchio, sicuramente l’uva più celebre delle Marche è la protagonista assoluta delle zone dei Castelli di Jesi e di Matelica. La DOC del Verdicchio dei Castelli di Jesi prevede la definizione della zona classica, cioè quella più tipica e tradizionale, mentre la tipologia Riserva, insieme al Verdicchio di Matelica, si fregia della DOCG. Il Verdicchio è un’uva estremamente versatile e oltre alla produzione di vini secchi, è utilizzata anche per vini passiti e spumanti. A seconda dello stile di vinificazione le caratteristiche dei vini da Verdicchio sono piuttosto varie, da leggeri e freschi, fino a robusti e strutturati, adatti anche alla maturazione in botte.
 
Rosso Conero e Rosso Piceno
Vino rosso nelle Marche significa soprattutto Montepulciano e Sangiovese. Il Rosso Conero nel 2004 ha ottenuto la DOCG nella versione riserva (Conero DOCG). La zona del Rosso Conero beneficia dell’influsso delle brezze marine, che assieme alla composizione calcarea del suolo consentono di ottenere un vino rosso unico nel suo genere. Il Rosso Piceno viene invece prodotto più a sud in una zona piuttosto vasta che giunge fino ai confini della provincia di Pesaro. Il Montepulciano è presente per almeno l’85% in entrambi i vini.
 
Vernaccia di Serrapretrona
La Vernaccia nera di Serrapetrona (Macerata) ha una superficie totale dei vigneti è di appena 45 ettari. Anche se di recente riscoperta, è stata la prima nelle Marche a ottenere il riconoscimento della Denominazione d’Origine Controllata e Garantita (DOCG). Il vino Vernaccia di Serrapetrona è uno spumante rosso prodotto nelle versioni secco e dolce, utilizzando un sistema piuttosto particolare. Infatti dopo la vendemmia, una parte delle uve sono vinificate in rosso, mentre una parte viene lasciata ad appassire in modo da concentrare la quantità di zuccheri. Le uve appassite sono quindi pigiate e il mosto si aggiunge al primo vino, provocando una seconda fermentazione. La spumantizzazione della Vernaccia di Serrapetrona con il metodo Charmat dona al vino la caratteristica spuma rosa e i suoi aromi inconfondibili.
 
Altre Zone di Produzione
Una particolare menzione spetta alla Lacrima di Morro d’Alba, un vino rosso prodotto con un vitigno aromatico che dona ai vini un profumo inconfondibile. E’ prodotto sia come vino fermo che frizzante e in versione passita. Il Bianchello del Metauro è prodotto nella provincia di Pesaro con l’uva Bianchello (o Biancame) e il Falerio dei Colli Ascolani, basato principalmente sui vitigni Trebbiano Toscano, Passerina, Pecorino. Nelle zone di Offida e di Esino, dove si producono vini bianchi, rossi e spumanti. Fra i bianchi, particolarmente interessanti sono quelli prodotti con l’uva Pecorino e Passerina. Con il Maceratino, si producono i vini bianchi del Colli Maceratesi.


Marche - DiWineTaste

Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Bucci 2021

756
Uvaggio: Verdicchio 100%Anno: 2021
Disponibilità: Immediata
€17,93
Aggiungi al carrello

Podium Verdicchio Dei Castelli di Jesi Superiore Garofoli 2019

774
Uvaggio: Verdicchio 100%Anno: 2019
Disponibilità: Immediata
€19,13
Aggiungi al carrello

Santa Barbara Verdicchio di Jesi Superiore Stefano Antonucci 2019

785
Uvaggio: Verdicchio 100%Anno: 2019
Disponibilità: Immediata
€22,20
Aggiungi al carrello

Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Riserva Villa Bucci 2013 Magnum 1,5 Litri Bucci

8688
Uvaggio: Verdicchio 100%Anno: 2013
Disponibilità: Limitata
€130,00
Aggiungi al carrello

Verdicchio di Matelica 2022 Cantine Provima

3859
Uvaggio: Verdicchio 100%Anno: 2022
Disponibilità: Immediata
€6,00
Aggiungi al carrello

Verdicchio dei Castelli di Jesi Riserva Classico Superiore Villa Bucci 2017

757
Uvaggio: Verdicchio 100%Anno: 2017
Disponibilità: Immediata
€50,39
Aggiungi al carrello

Impero Pinot Nero Vinificato in Bianco Fattoria Mancini 2003

760
Uvaggio: Pinot Nero 100%Anno: 2003
Disponibilità: Immediata
€24,49
Aggiungi al carrello

San Sisto Verdicchio dei Castelli di Jesi Fazi Battaglia 1993

763
Uvaggio: Verdicchio 100%Anno: 1993
Disponibilità: Immediata
€42,00
Aggiungi al carrello

San Sisto Verdicchio dei Castelli di Jesi Fazi Battaglia 1995

764
Uvaggio: Verdicchio 100%Anno: 1995
Disponibilità: Immediata
€37,10
Aggiungi al carrello

San Sisto Verdicchio dei Castelli di Jesi Fazi Battaglia 1998

765
Uvaggio: Verdicchio 100%Anno: 1998
Disponibilità: Immediata
€27,99
Aggiungi al carrello

San Sisto Verdicchio dei Castelli di Jesi Fazi Battaglia 2014

766
Uvaggio: Verdicchio 100%Anno: 2014
Disponibilità: Immediata
€24,49
Aggiungi al carrello

San Sisto Verdicchio dei Castelli di Jesi Fazi Battaglia 2015

767
Uvaggio: Verdicchio 100%Anno: 2015
Disponibilità: Immediata
€21,69
Aggiungi al carrello

San Sisto Verdicchio dei Castelli di Jesi Fazi Battaglia 2016

768
Uvaggio: Verdicchio 100%Anno: 2016
Disponibilità: Immediata
€21,52
Aggiungi al carrello

Titulus Fazi Battaglia 2012 Magnum litri 1,5

769
Uvaggio: Verdicchio 100%Anno: 2012
Disponibilità: Limitata
€25,19
Aggiungi al carrello

Podium Verdicchio Dei Castelli di Jesi Superiore Garofoli 2000

773
Uvaggio: Verdicchio 100%Anno: 2000
Disponibilità: Immediata
€24,49
Aggiungi al carrello

Serra Fiorese Verdicchio Dei Castelli Di Jesi riserva Garofoli 2000

775
Uvaggio: Verdicchio 100%Anno: 2000
Disponibilità: Immediata
€21,01
Aggiungi al carrello

Pecorino Ciprea Sansavino 2002

779
Uvaggio: Pecorino 100%Anno: 2002
Disponibilità: Immediata
€21,01
Aggiungi al carrello

Animale Celeste Stefano Antonucci 2016

783
Uvaggio: Sauvignon 100%Anno: 2016
Disponibilità: Immediata
€14,01
Aggiungi al carrello

Animale Celeste Stefano Antonucci 2021

784
Uvaggio: Sauvignon 100%Anno: 2021
Disponibilità: Immediata
€16,23
Aggiungi al carrello

Tardivo Ma Non Tardo Verdicchio di Jesi Superiore Riserva 2018

786
Uvaggio: Verdicchio 100%Anno: 2018
Disponibilità: Immediata
€39,28
Aggiungi al carrello

Le Busche Umani Ronchi 2000

791
Uvaggio: Chardonnay 100%Anno: 2000
Disponibilità: Immediata
€14,01
Aggiungi al carrello

Falerio Pecorino Velenosi 2019

797
Uvaggio: Pecorino 100%Anno: 2019
Disponibilità: Immediata
€10,76
Aggiungi al carrello